Il Punto di Maurizio Ceccarelli

Follonica 3/10/2015

Una di quelle partite da ricordare a lungo. Banca Cras Follonica piega il Lodi per 6 a 5 all’esordio in campionato,  una sfida incredibile che l’ha vista recuperare un parziale iniziale di 0-4 e poi andarsi a prendere di prepotenza una vittoria epica. C’è un buon pubblico al Capannino per questa “prima” del Follonica, curiosità intorno a una squadra che annovera tra le sue fila molti giovani, così come nel progetto societario, guidati da una vera e propria leggenda come Franco Polverini. Non ci sono  più il capitano Marco Pagnini e i suoi gol , la fascia l’ha ereditata il cugino Federico, ai gol dovrebbe pensare l’ultimo arrivato Marinho. Ma c’è da fare i conti con il Lodi squadra dalle rinnovate ambizioni e disposta a vender cara la pelle. E i conti infatti cominciano subito a non tornare:  nemmeno tre minuti e il Lodi è già avanti di due gol con Ambrosio e Verona. Un uno-due terribile che lascia i ragazzi di Polverini storditi e incapaci di reagire. Il Lodi ha vita facile, come affondare il coltello nel burro e al quinto minuto ancora Verona fa 3 a 0. Banca Cras prova a reagire ma gli attacchi risultano sterili e la difesa lombarda ha buon gioco. Nonostante i giallorossi abbiano decisamente rallentato,  trovano anche il gol del 4 a 0 con Platero. Cala il silenzio sul Capannino e per Banca Cras è notte fonda. Serve una scossa, un episodio favorevole che possa far rivedere la luce ai maremmani : ci pensa Marinho trasformando un tiro diretto in modo impeccabile. Il  cronometro segna il minuto 23’11 e da questo momento Banca Cras scatena l’inferno. Al minuto 23’52 ancora Marinho e otto secondi dopo Rodriguez riportano il Follonica a un solo gol dai lodigiani. La partita si è completamente rovesciata e la sirena di fine tempo per il Lodi è una liberazione, come il gong per un pugile alle corde. Nel  secondo tempo la musica non cambia e i ragazzi terribili di Polverini in poco più quattro minuti confezionano la rimonta con un gol da antologia di Saavedra e i gol del duo Marinho- Rodriguez. In un clima da torcida il Follonica si trova sul 6 a 4, avanti nel punteggio ma soprattutto nel gioco e nella gestione della partita. Il Lodi non ci sta, preme e Malagoli al settimo minuto accorcia le distanze. Il Follonica soffre, si difende a volte con affanno ma sempre mantenendo la lucidità necessaria, Menichetti sale in cattedra parando praticamente tutto. Ultimi palpitanti secondi con il Follonica che spreca il match point con Marinho, ma alla fine è solo festa, la prima risposta c’è stata ed è arrivata forte e chiara.

Maurizio Ceccarelli